News & eventi

PER AREA ZERO – D’AMICO – BOTTECCHIA C’E’ IL GP NOBILI RUBINETTERIE

Ancona (AN), 16 marzo 2015 – Continua la stagione di Area Zero – D’Amico – Bottecchia. Questa settimana la formazione continental italiana, diretta dal team manager Ivan De Paolis, sarà al via del Gran Premio Nobili Rubinetterie – 12a Coppa Papà Carlo – 7a Coppa Città di Stresa, in programma giovedì 19 marzo. 187.5 i km previsti, sul tradizionale percorso da Suno a Stresa sul Lago Maggiore, per la classica piemontese che si conferma tra gli appuntamenti importanti del calendario della primavera italiana.

Prevedo una corsa molto veloce con una media elevata fin dalle battute iniziali, come è successo lo scorso anno. Nel finale c’è una salitella da ripetere due volte che non è da sottovalutare. Difficile però che faccia una grande selezione anche perché poi fino al traguardo c’è spazio per recuperare” dice il direttore sportivo Massimo Codol. “Per quanto ci riguarda, i nostri uomini veloci che tengono bene anche in salita sono Silvio Giorni e Antonio Parrinello, che è in crescita. Inoltre possiamo contare anche su Paolo Ciavatta che arriva dal bel podio del GP Izola, anche se negli ultimi giorni ha dovuto fare i conti con un leggero virus influenzale che però sembra ormai risolto.”

Per Area Zero – D’Amico – Bottecchia ci sarà il debutto stagionale di Francesco Baldi.
La nostra squadra vuole essere soprattutto una palestra per permettere ai giovani di fare esperienza” spiega il team manager Ivan De Paolis. “Questo ragazzo classe 1996 è sicuramente una bella sfida, ha da poco compiuto 19 anni e frequenta ancora il Liceo Scientifico, alternando come è giusto che sia a quell’età studio e attività agonistica. Arriva dal sud, dalla Campania, per la precisione da Cava de’Tirreni (Salerno), che è anche la terra di uno degli sponsor che da il nome alla nostra squadra, D’Amico sottoli. Francesco si affaccia al mondo dei prof dopo aver fatto vedere ottime cose tra gli juniores, correndo con una squadra del nord Italia. Quello che ci aspettiamo da lui è che con noi possa fare un percorso graduale di maturazione e crescita.”