News & eventi

AREA ZERO-D’AMICO-BOTTECCHIA AL LAVORO PER IL 2016

Dal 10 al 12 dicembre tutta la squadra è riunita a Padova per il primo raduno collegiale.

 

Ancona (AN), 10 dicembre 2015 – Ha preso ufficialmente inizio la nuova stagione di Area Zero-D’Amico-Bottecchia. Il 2016 sarà la terza stagione in gruppo per la formazione continental italiana diretta dal team manager Ivan De Paolis.
La nuova stagione ha preso il via con il primo raduno collegiale che vede dal 10 al 12 dicembre tutta la squadra, corridori e staff tecnico, per la prima volta di nuovo insieme. La sede dei lavori è l’Hotel Ibis di Padova.

Questo primo raduno serve soprattutto per fare conoscenza e permettere ai nuovi arrivati di amalgamarsi con il resto della sqaudra. Inoltre programmeremo con i ragazzi gli allenamenti invernali e la prima parte della stagione. Per il 2016 ci sono molte novità, ma si riparte con fiducia e rinnovato ottimismo da quanto di buono costruito con impegno, passione e determinazione nelle prime due stagioni” spiega il team manager Ivan De Paolis.

Il primo aspetto da cui si riparte è la nuova rosa. “Ai corridori confermati, tra i quali spiccano i nomi di Antonio Parrinello e Paolo Ciavatta, si aggiungono dei nuovi innesti, anche con corridori giovani che arrivano dagli under23, e dei ritorni importanti in maglia Area Zero come quelli di Fabo Chinello e Charly Petelin che sono già stati con noi al debutto del team nel 2014” continua Ivan De Paolis.

Allo stato attuale la rosa 2016 di Area-Zero-D’Amico-Bottecchia è composta da 14 corridori: Francesco Baldi (Ita), Giorgio Bocchiola (Ita), Fabio Chinello (Ita), Paolo Ciavatta (Ita), Pietro Di Genova (Ita), Nicola Genovese (Ita), Daniel Martin Gines (Spa), Luca Giuliani (Ita), Davide Leone (Ita), Iltjan Nika (Alb), Antonio Parrinello (Ita), Charly Petelin (Ita), Marco Tizza (Ita), Fabio Tommassini (Ita). A seguire i ragazzi in ammiraglia, e non solo, come sempre ci sarà il direttore sportivo Massimo Codol. “Il gruppo di lavoro sarà questo, al massimo ci potrà essere ancora un innesto, questo aspetto comunque sarà definito nel giro di pochi giorni” conclude Ivan De Paolis.